Project Description

Prezzo: € 19,90

MIOCARDIL – 30 g (60 pastiglie da 500 mg)

A base di biancospino e cardiaca ed arricchito con vitamine e minerali
  • Normale funzione cardiaca

  • Benessere dell’apparato cardiovascolare

  • Regolarità della pressione arteriosa

  • Normale circolazione del sangue

A cosa serve

Apparato cardiovascolare e normale funzione cardiaca

Perché è unico

Prodotto a base di biancospino e cardiaca, l’unico arricchito con zenzero, sali minerali e ben 10 vitamine, per un’azione sinergica e una maggiore efficacia nel supportare la funzione cardiaca e il benessere dell’apparato cardiovascolare.
Trova punto vendita

CERCA SU AMAZON


CERCA SU SHOPPING

*Dr. Giorgini non effettua vendita diretta ma inoltra a siti e prodotti gestiti da clienti
Obiettivo:

Integratore alimentare a base di erbe, minerali, vitamine e altri nutritivi. La vitamina B1 contribuisce alla normale funzione cardiaca mentre biancospino, cardiaca, coleus, vite rossa, zenzero e poligono del Giappone favoriscono la funzionalità di tutto l’apparato cardiovascolare. Biancospino e coleus aiutano a mantenere la regolarità della pressione arteriosa mentre lo zenzero promuove la normale circolazione del sangue. Inoltre, biancospino e cardiaca svolgono una benefica azione rilassante.

Ingredienti:

Biancospino (Crataegus oxyacantha) foglie E.S. (titolato al 2,5% in iperoside), cardiaca (Leonurus cardiaca) erba con fiori E.S., cellulosa microcristallina°, gomma arabica°, magnesio ossido, vite rossa (Vitis vinifera) semi E.S. (titolato al 95% proantocianidine oligomeriche), maltodestrine da mais o riso, vitamina C (acido ascorbico), coleus (Coleus forskohlii) radici E.S. (titolato al 10% in forskolina), zenzero (Zingiber officinalis) rizomi E.S. (titolato al 5% in gingeroli), silicio biossido°°, vitamina E (acetato di DL-α-tocoferile), vitamina B3 (niacina), vitamina B5 (pantotenato di calcio), vitamina B1 (tiamina), poligono del Giappone (Polygonum cuspidatum) radici E.S. (titolato al 98% in resveratrolo), coenzima Q10, magnesio stearato di origine vegetale°°, rame gluconato, vitamina A (acetato di retinile), vitamina B6 (piridossina), vitamina B2 (riboflavina), cromo picolinato, acido folico, sodio selenito, biotina, vitamina B12 (cianocobalamina).

° Agente di carica. °° Antiagglomerante.

Tabella nutrizionale
 

Modalità d’uso:
Si consiglia l’assunzione di 2 pastiglie (1 g) da una a tre volte al giorno in qualunque momento (da 2 a 6 pastiglie al giorno).

Avvertenze:

Gli integratori non vanno intesi come sostituti di una dieta variata ed equilibrata e devono essere utilizzati nell’ambito di uno stile di vita sano. Non superare la dose giornaliera raccomandata. Il prodotto deve essere tenuto fuori dalla portata dei bambini al di sotto dei tre anni di età.

Sono diversi gli studi che hanno come argomento principale le azioni del Biancospino. In senso generale, le proprietà medicinali di questa pianta sono state utilizzate da molte culture per una varietà di scopi; nelle malattie cardiovascolari, per esempio, questa pianta è ampiamente utilizzata e ne sono stati studiati i suoi meccanismi d’azione. L’identificazione dei gruppi costituenti quali bioflavonoidi e proantocianidine ha fatto luce su alcuni degli effetti benefici di Biancospino sul sistema cardiovascolare. Peraltro, effetti protettivi significativi sulle cellule cardiovascolari sono stati notati da Ling et alii, utilizzando un intero estratto vegetale di biancospino cinese1. Un altro studio riferisce che diversi preparati a base di Biancospino:

[…] sono stati studiati per le loro proprietà farmacologiche concentrando le ricerche principalmente sull’attività cardiovascolare della erba. […] Esso [il Biancospino] può anche avere un effetto cardioprotettivo a causa della sua capacità di diminuire le richieste di ossigeno da parte del tessuto cardiaco2.

Sono state rilevate marcate azioni cardiotoniche: effetto inotropo positivo e cronotropo negativo, aumento del flusso coronarico e della gittata cardiaca, nonché riduzione del consumo di ossigeno3.

Accanto al Biancospino vengono comunque menzionate altre piante come la Vitis vinifera sulla quale alcuni studi hanno mostrato l’attività antiossidante, ipotensiva, con effetti ipopolemizzanti e vasodilatatori, dell’estratto di semi4.

Sono diverse le erbe che si manifestano utili nel trattamento di problemi cardiovascolari, tra queste, come detto, c’è anche la Cardiaca, utilizzata per i suoi effetti antipertensivi, di rafforzamento del cuore – come la facilitazione del flusso coronarico – nonché per un effetto calmante per i disturbi cardiaci funzionali5. Uno studio alquanto dettagliato ha mostrato:

[…] il meccanismo dell’attività multidirezionale dell’estratto di Cardiaca sul cuore, corrispondente per l’attività ai farmaci antiaritmici III classe, il che giustifica il suo utilizzo in tachicardia6.

Nel contributo Hipertension and herbal plants, la Cardiaca viene proprio classificata come pianta dalla proprietà antipertensiva7; mentre in un’ulteriore ricerca si legge che questa pianta:

È stata usata come sedativo, ipotensivo e cardiotonico per il trattamento di disturbi del cuore nervoso e funzionale fin dal XV secolo ed è adesso oggetto di monografie di diverse farmacopee (farmacopea europea 2008; farmacopea di Stato dell’URSS nel 1990, BHP nel 1992). Studi sperimentali hanno dimostrato che la Cardiaca può aumentare il flusso sanguigno coronarico, diminuire la pressione sanguigna, migliorare l’ischemia miocardica, eliminando i radicali liberi nelle malattie ischemiche, riducendo i danni cellulari e migliorando la funzione cardiaca. Un estratto purificato di L. cardiaca ha mostrato effetti antianginosi e antiaritmici (Ritter et al., 2010) mentre studi clinici hanno indicato che la Cardiaca è in grado di inibire l’aggregazione piastrinica, ridurre la coagulazione del sangue e la trombosi, nonché migliorare condizioni di emoreologia nei pazienti con malattia coronarica8.

Note

1 M.C. Tassell, Hawthorn (Crataegus spp.) in the treatment of cardiovascular disease, «Pharmacognosy Review», IV (7), 2010, passim.

2 S. K. Verma et alii, Crataegus oxyacantha – a cardioprotective herb, «Journal of Herbal Medicine and Toxicology», I(1), 2007, p. 64.

3 Q. Chang et alii, Hawthorn, «The Journal of Clinical Phamacolocy», XLII (6), 2002, p. 606.

4 M. Agrawak et alii, Herbal remedies for treatment of hypertension, «International Journal of Pharmaceutical Sciences and Research», I (5), 2010, p. 13.

5 K. Wojtyniak et alii, Leonurus cardiaca L.(motherwort): a review of its phytochemistry and pharmacology, «Phytotherapy research», XXVII (8), 2013, p. 1115.

6 Ibidem, p. 1117.

7 J. Talha, Hypertension and herbal plants, «International Research Journal of Pharmacy», II (8), 2011, passim.

8 A. N. Shikov et alii, Effect of Leonurus cardiaca oil extract in patients with arterial hypertension accompanied by anxiety and sleep disorders, «Phytotherapy research», XXV, 2011, p. 540.

La documentazione contenuta in questa sezione è RISERVATA solamente a persone qualificate nei settori della medicina, dell’alimentazione o della farmacia (Art.6 – D.Lgs 111/92, recepimento Direttiva CEE 89/389) e non ha in alcun modo funzione pubblicitaria. Le informazioni in essa veicolate sono fornite a puro scopo illustrativo ed informativo generale, destinato esclusivamente al professionista per suo stretto uso personale e non dovrà, in alcun modo servire per usi pubblicitari, né dovrà mai essere destinata al pubblico.

È assolutamente vietata la riproduzione, anche parziale, dei documenti contenuti in questa sezione. Se ne diffida la divulgazione al pubblico sia totale, che parziale e l’uso al di fuori della pura consultazione da parte del professionista. Ogni abuso verrà perseguito a norma di legge. L’Azienda SER-VIS s.r.l. non sarà in nessun caso responsabile per eventuali danni derivanti dall’utilizzo o dai risultati di un utilizzo diverso di tali informazioni.

Avvertenze: si ricorda che in generale gli integratori non vanno intesi come sostituti di una dieta variata ed equilibrata, né tantomeno vanno ad essi attribuite funzioni preventive o curative. La loro azione, infatti, si limita all’integrazione nutrizionale e/o al coadiuvare il mantenimento delle normali e sane funzioni fisiologiche. Pertanto, in presenza di sintomatologie patologiche o presunte tali, si invita sempre a consultare il parere del medico, il quale potrà valutare il possibile utilizzo concomitante di un integratore, a fronte delle sue funzioni nutritive o coadiuvanti specifiche.

Hai bisogno di maggiori informazioni?